Inglese

Come si impara l’inglese da soli? La guida completa

Come si impara l’inglese da soli? La guida completa

Tra tutte le lingue straniere che esistono al mondo, la lingua inglese è sicuramente tra le più parlate e le più diffuse, sia che si scelga di impararla per motivi di svago che la si scelga per motivi professionali o di studio. L’inglese è al terzo posto nella classifica delle lingue più parlate nel mondo – si colloca dopo il cinese mandarino e la lingua spagnola – e allo stato attuale è parlato da oltre 360 milioni di persone madrelingua, in tutto il mondo. Nonostante il suo terzo posto, resta, in ogni caso, la lingua che riveste più importanza a livello globale e registra il maggior numero di persone che la parlano e la utilizzano come seconda, terza o quarta lingua.

Per quale motivo? Prima di tutto, perché l’inglese è una lingua universale. Questo significa che è considerata la lingua della comunicazione interpersonale per eccellenza: è un ponte linguistico tra culture, che permette di allacciare rapporti professionali proficui, relazioni tra persone di etnie e Paesi diversi, e che aiuta ad accedere alle migliori scuole e Università d’Europa e del mondo. Ormai è indispensabile conoscere la lingua inglese o si rischia di essere tagliati fuori da tantissime dinamiche, personali e professionali. Per questo, ogni giorno sempre più persone scelgono di imparare la lingua inglese e si approcciano allo studio da autodidatta, alla ricerca del metodo di studio più efficace per il loro tipo di capacità mnemonica. In questo articolo, proveremo a stilare una serie di punti e consigli indispensabili per chi desidera imparare l’inglese da solo.

Organizza un buon piano di studi

Se decidi di avvicinarti alla lingua inglese, è bene definire come prima cosa un piano di studi efficace e capire quanto tempo e quanto sforzo puoi effettivamente dedicargli. Inizia definendo il tuo obiettivo e il tuo scopo: perché hai scelto di imparare l’inglese? Per motivi lavorativi o personali? Per accedere ad una Università prestigiosa o per comunicare durante i tuoi viaggi? Il tuo scopo ti aiuta a definire il livello linguistico a cui dovrai arrivare e i vari step da mettere in atto per raggiungerlo.

Una volta che hai ben compreso le motivazioni che ti spingono ad imparare l’inglese, potrai creare una strategia di apprendimento, che ti consigliamo di suddividere secondo le quattro abilità principali: comprensione, scrittura, ascolto e parlato. Inizia a scegliere un monte di ore in base alle tue esigenze e ai tuoi impegni e spalma queste ore lungo tutta la settimana. Cerca, poi, di ragionare per “moduli”: parti da un modulo base (ad esempio, la grammatica essenziale, quella che ti aiuterà a costruire delle basi solide di competenza e conoscenza linguistica) per poi salire, man mano che riuscirai a consolidare quanto assimili di lezione in lezione.

Fai esercizio e pratica la lingua ogni giorno

Per imparare l’inglese in maniera efficace, non basta memorizzare dei concetti una volta sola. È importante, ogni giorno, ripetere ed esercitarsi al fine di immagazzinare in modo corretto e non superficiale quanto impari di volta in volta. Per riassumere in poche parole: è necessario passare dalla teoria alla pratica. Ma come puoi farlo davvero? Esistono alcuni metodi che puoi applicare e utilizzare durante le tue esercitazioni. Ad esempio, ogni giorno ritagliati dieci minuti da dedicare alla ripetizione dei concetti appresi il giorno precedente o durante la lezione precedente. In questo modo, potrai solidificare le tue conoscenze e non rischiare di dimenticarle dopo poco tempo, perdendo tempo a memorizzarle di nuovo, con annesse frustrazioni.

Un altro metodo particolarmente utile per esercitarsi con la lingua inglese, è fare pratica con un madrelingua inglese. Se hai la possibilità di dialogare con una persona di madrelingua inglese, potrai non solo metterti alla prova in situazioni reali e di ogni giorno ma anche migliorare la tua pronuncia. Potresti mettere in scena e simulare dialoghi piuttosto comuni: due persone che vanno a fare la spesa o che si incontrano per la prima volta, due colleghi di lavoro che discutono di una situazione lavorativa o di un contratto, due persone che si confrontano su un libro appena letto o su un nuovo film in uscita, due studenti che condividono il banco di scuola e che devono preparare un progetto. Questo ti aiuterà ad esplorare tutta una serie di ambiti e situazioni, affinando la fonetica e imparando tantissimi nuovi vocaboli per il tuo lessico.

Infine, per esercitarti potresti prendere in considerazione di guardare delle serie televisive o dei film in inglese. Questo ti permetterà di migliorare ed esercitare l’ascolto, rendendoti più familiari tantissimi modi di dire e vocaboli.

Costruisci una solida base grammaticale

Spesso una delle cause per cui non ci si avvicina allo studio della lingua inglese, è che si è spaventati dall’apprendimento della grammatica di questa lingua. Invece, possedere una solida base grammaticale è la cosa che più di tutte ti renderà autonomo e ti permetterà di velocizzare la tua abilità di reazione durante il parlato. Questo non significa che dovrai basare tutta la tua conoscenza dell’inglese sulla grammatica, anzi: significa solo averla ben chiara in mente per poter poi padroneggiare l’uso effettivo della lingua, anche perché tantissime espressioni di uso comune che avrai modo di ascoltare durante la tua esperienza spesso non rispetteranno alla lettera le regole grammaticali studiate durante l’apprendimento della teoria. Della grammatica serve possedere una conoscenza “dinamica”, dev’essere lo strumento con cui costruire la tua comunicazione.

Affidati ad un tutor di inglese o ad un insegnante madrelingua

Imparare l’inglese da autodidatta è sicuramente una strada affascinante, ma non sempre è percorribile da tutti allo stesso modo. Il successo dell’apprendimento in solitaria può dipendere da tanti fattori, ma sicuramente un ostacolo enorme che potresti incontrare è uno, tra tutti: non avere un confronto con una persona madrelingua. Non poterti esercitare e parlare con qualcuno che parla l’inglese come prima lingua, potrebbe penalizzarti nella pronuncia e nella comprensione. Per questo, potresti trovare utile affidarti ad un professore di inglese estremamente qualificato o ad un tutor madrelingua su italki. Tutti e due possono aiutarti a trovare il metodo di studio più adatto per imparare la lingua velocemente e secondo le tue preferenze di tempo e di denaro.

Related Posts